fbpx

Rapimento

Entro in punta di piedi alle porte di questo Solstizio con una parola che ho assaporato a fondo, negli ultimi giorni, e con la quale mi sono chiamata.
Una parola che è RAPIMENTO e che sento di offrire, con le mani a coppa, in questo spazio di frenesia.

Il rapimento è perderSi, è dire di Si alla possibilità di perdere, di lasciarsi andare, di staccare pezzi di pelle, di storia, di vecchie narrazioni.
Un farsi vuoto, fare l’amore con il silenzio, familiarizzare con il mistero, per scoprirsi in modi inaspettati, in un nuovo corpo, in nuove forme e dimensioni di te, in nuovi poteri e talenti.
Vuoi essere vista/o ma senza essere legata/o, identificata/o con nulla, per conservare il sapore della libertà di riscriverti, di ricominciarti, di essere tutto o niente, di esistere in infinitesimi mondi e realtà, di abbracciare le tue moltitudini e camminarne i respiri e le consapevolezze.
Non appartieni a niente ma è proprio questo che ti insegna ad appartenerti, che rompe il dover essere per lasciarti dove sei e come sei, sul momento, senza chiederti di più.

In quel rapimento c’è ricerca e assenza di ricerca, c’è un esserci e un annullarsi, un io e un noi, ordine e caos, c’è uno sperimentare ritmi, espressioni, tempi, movimenti, di piacere, della vita, di te, su e attraverso di te.
Lì c’è un ascolto e TU SEI ASCOLTO.
Lì sei voce e diventi un corteo di voci e ogni parte di te, del tuo corpo, riconquista la SUA, la possiede, la libera, la governa.
Ogni parte torna a parlare la sua lingua e tu ti tuffi nelle tue profondità, partorendoti, ancora ed ancora.

Ti espandi e ti contrai.
Ti chiudi e poi ti apri.
Proprio come fa il cuore.
Tocchi la realtà del pulsare, il suo senso più antico.
In quel pulsare muori e rinasci, ti invochi e ti evochi, ti occulti e ti mostri, ti attraversi e ti lasci attraversare.
In quel pulsare vivi e ti abiti.
E torni ad essere autentica/o, in un modo che nessuna parola potrebbe spiegare.

©️ Chandani Alesiani ~ il Tempio della Sibilla
Photo by @giui.it

La mia Newsletter

Voglio lasciarti immaginare come sarebbe raggiungermi qui, dove puoi scoprire il suono che
fa il piacere quando si lascia scrivere.

Qui dove le parole vogliono entrare nei tuoi passi,
scivolarti dentro la pelle, cantare alle ossa, danzare nel sangue e mescolarsi al cuore.

Qui dove cerco di spargere fuoco e ardore perché ogni Newsletter si trasformi in una lettera d’amore al corpo, che risvegli in te la passione di viverlo intensamente, di sentirlo Tempio e viaggiarci dentro e attraverso.

© 2019 - 2024 Chandani Alesiani & il Tempio della Sibilla.
P.IVA 02682610395 * Photo by Giui Russo e Lorenza Daprà * Brand Identity by Tamara Berlaffa
All rights reserved * Privacy Policy

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi