fbpx

Inno alla scomodità!

Quanto puoi concederti di accogliere e accoglierti nella scomodità?
Una domandina forse da niente o forse da tutto.
Non sto dicendo che ogni cosa debba essere fatta di curve a gomito o spigoli pericolosi ma ogni percorso che ti offre spazi di crescita personale attraversa quelle fasi dove è nella scomodità che filtrano gli spiragli che accecano le tue scuse, che si svelano i tempi delle tue sacralità e i risvolti che amano le turbolenze dei tuoi risvegli.

É in quella scomodità che abiti una messa in discussione che scuote le tue molteplicità e rimette in funzione le voci rimaste a bocca chiusa.
Che spacchi i tuoi gusci e innalzi le tue abissali profondità.
Che ti sposti in direzioni inesplorate e ti porti nelle sensazioni che eviti da tempo.
Che ti lasci occhi negli occhi con quel desiderio messo all’angolo a prendere polvere.
E sfiori, con la punta delle dita, la forza dell’imprevedibile.

Fuori dalla tua zona comfort esiste un mondo.
Un mondo che spesso è molto di più rispetto a quello dove hai scelto di restare.
E può spaventarti ma non sei fatta/o per chiuderti a chiave e lasciarti intatta/o in uno spazio che è sempre lo stesso.
Rischi di velare la bellezza.
Di divorare la tua stessa libertà.
Di ridare indietro la vita che vuole attraversarti e accaderti.
Rischi di svuotare ancora di più i tuoi vuoti.
Di disimparare a conoscerti nei pieni che osi.
Di rimanere immobile quando vorresti strapparti dal torpore e metterti a ballare.

Si lo so, la scomodità sa essere terribilmente sfidante.
Ma quanto è bello darle il benvenuto per allenare il cor-aggio e insegnarti i segreti della tua trasformazione?
Per scucire gli orli e trascinarti dove puoi esistere in modi diversi?
E allora dimmi…di fronte alla scomodità preferisci restare o scappare?

© Chandani Alesiani ~ Il Tempio della Sibilla
Photo by Giui

La mia Newsletter

Voglio lasciarti immaginare come sarebbe raggiungermi qui, dove puoi scoprire il suono che
fa il piacere quando si lascia scrivere.

Qui dove le parole vogliono entrare nei tuoi passi,
scivolarti dentro la pelle, cantare alle ossa, danzare nel sangue e mescolarsi al cuore.

Qui dove cerco di spargere fuoco e ardore perché ogni Newsletter si trasformi in una lettera d’amore al corpo, che risvegli in te la passione di viverlo intensamente, di sentirlo Tempio e viaggiarci dentro e attraverso.

© 2019 - 2024 Chandani Alesiani & il Tempio della Sibilla.
P.IVA 02682610395 * Photo by Giui Russo e Lorenza Daprà * Brand Identity by Tamara Berlaffa
All rights reserved * Privacy Policy

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi