fbpx

Furore

Che cos’è davvero il furore?
Perché spaventa tanto?
E perché è diventato un terribile spauracchio da cui scappare, senza possibilità di ritorno?

Il furore è, per sua natura, incandescenza.
É un’eruzione, un impeto di incontenibile entusiasmo, una tempesta dei sensi, un innalzarsi della Shakti che chiama il risveglio nel corpo, che ne esalta le espressioni, che ne incalza i ritmi e i battiti, che ne espande i confini e i limiti, che ne eccita i fragori e le ebbrezze.
É una corrente di scuotimento che apre la pelle, che espone il cuore al rapimento, che del fuoco può portare le luci o le ombre, la vita o la morte, la medicina o il veleno, la creazione o la distruzione, la rabbia o la passione, la brutalità o l’estasi.

Cosa ci sarebbe di male in tutto questo?
Ma forse ti verrebbe più spontaneo chiedermi: Cosa ci sarebbe di buono in tutto questo?

Non ti racconto la storiella che si tratti di un’energia “facile” perché non lo è e perché richiede presenza, consapevolezza, oltre ad una costante caccia alle ombre.
Ma, allo stesso modo, non aspettarti di trovare in me una persona che rifiuta e mostrifica il furore, debellandolo dalle espressioni che appartengono alla natura umana, ancor di più di una donna.
La verità, per quanto scomoda, è che siamo così abituati/e all’aspetto materno, prevedibile, accogliente, morbido, a tratti compiacente del femminile che il furore non può essere contemplato, perché specchio di tutto quello che più si teme: un’energia elettrica, caotica, incontrollata e incontrollabile, a volte ferina, potenzialmente feroce oppure selvaggiamente erotica e apertamente sessuale.
Eppure imparare a canalizzarla e lavorarci, in sicurezza e ascolto, non soltanto ti permette di riscoprirne il senso più profondo ma anche di riconoscerla come un sacro strumento di empowerment, di guarigione, catarsi, liberazione, di radicale risveglio e intensa manifestazione.

Non è un caso che il furore appartenga all’Amazzone, alla Menade, e contraddistingua divinità come Sekhmet, Kali, Medusa, Lilith e tante altre. Ed è inutile dirti che questo aspetto è stato determinante nel demonizzarle, così come nel deformare e occultare questa espressione del potere femminile che, ancora oggi, facciamo fatica a re-integrare.
Ma credo fermamente che sia possibile trasformare la relazione con questa “signora di fuoco” e, anzi, esplorarla coscientemente per farne un’alleata, una complice, per guida per girare la chiave e scegliere la libertà di com~prendere tutte le sfaccettature della tua essenza femminile.

E tu da che parte stai?
Ti affascina e richiama o preferisci tenerti a distanza di sicurezza dalla possibilità di scatenare e incarnare il tuo furore?

Chandani Alesiani
Photo by Giui

La mia Newsletter

Voglio lasciarti immaginare come sarebbe raggiungermi qui, dove puoi scoprire il suono che
fa il piacere quando si lascia scrivere.

Qui dove le parole vogliono entrare nei tuoi passi,
scivolarti dentro la pelle e mescolarsi al cuore.

Qui dove cerco di spargere bellezza perché ogni Newsletter si trasformi in una lettera d’amore al corpo, che risvegli in te la passione di viverlo intensamente, di tornarci e viaggiarci dentro.

© 2019 - 2022 Chandani Alesiani & il Tempio della Sibilla.
P.IVA 02682610395 * Photo by Giui Russo * Brand Identity by Tamara Berlaffa
All rights reserved * Privacy Policy

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi